Notizia pubblicata il 09/09/2019

L’osteopatia è una forma di medicina e un concetto di benessere secondo il quale la salute dipende dall’armonia dei movimenti del corpo. L’osteopatia è stata fondata nel 1874 in U.S.A. dal medico Andrew T. Still e si è evoluta fino ad oggi grazie alla crescita delle conoscenze anatomiche e fisiologiche, all’evoluzione delle tecniche e dell’esperienza clinica.

Il concetto di salute e i suoi principi:

  • Il CORPO. Il sistema fasciale interessa tutte le strutture del corpo attraverso la fascia, questo assicura l’unità della funzione di tutto il corpo.  Il movimento di qualsiasi struttura incide sul resto del corpo, e la mobilità alterata definita in “disfunzione”, influisce sulle prestazioni del tutto. Così, il sintomo e malattia possono manifestarsi anche a distanza dalla disfunzione iniziale.
  • La BIOMECCANICA. L’equilibrio biomeccanico: quando le strutture del corpo si muovono normalmente, il corpo è in equilibrio e non c’è possibilità di manifestazione di patologia. Quando la mobilità è compromessa a causa di stress del sistema fasciale, può verificarsi una disfunzione meccanica che genera tensioni e restrizioni che saranno l’origine dei sintomi.
  • Il SISTEMA NERVOSO. La libera circolazione di fluidi e di “informazione” è assicurata dal sistema nervoso, nel corpo sono strutturati tutti gli elementi necessari per l’esecuzione: se l’anatomia del corpo si muove normalmente, senza alcuna limitazione, i nervi portano l’informazione corretta, regolano i flussi ematici e linfatici.
  • STRUTTURA e FUNZIONE. Una corretta biomeccanica del sistema osteoarticolare e viscerale influisce sul sistema neurologico e circolatorio e viceversa. A sua volta, la compressione di un nervo o di una arteria può passare informazioni non corrette dalla zona colpita anche a distanza, provocare così sintomi o disfunzioni in territori specifici, per esempio la gastrite può essere causata da un malfunzionamento di una vertebra toracica.

Rilassando i diversi vincoli meccanici e neurologici che si posso “fissare” in ogni persona, si può consentire all’organismo di far ripartire una funzione corretta e recuperare l’omeostasi, attivando il sistema di ‘autoguarigione’. Il trattamento osteopatico può essere suddiviso, in maniera generica, in: valutazione e tecniche osteopatiche le quali possono essere differenti fra loro. Infatti l’ osteopatia si avvale di tecniche manuali e approcci diversi scelti secondo criteri clinici specifici ma anche secondo le preferenze ed attitudini di ogni professionista.

Possiamo così provare a suddividerle in:

  • Tecniche Osteo-articolari: l’ obiettivo é ridare la corretta mobilità alle articolazioni e sono le tecniche  più applicate ai pazienti.
  • Tecniche Funzionali: si basano sul principio di non forzare i movimenti verso il blocco della disfunzione ma di trovare altre “vie” di intervento.
  • Tecniche Miofasciali: si tratta di un approccio più globale che agisce sugli strati di tessuto differenti, cercando restrizioni e movimenti su più piani: esempio quello fasciale e muscolare.
  • Approccio Fluidico: agisce su fluidi del corpo cercando di ristabilire ritmi e pulsazioni fisiologiche, come nel caso del Movimento Respiratorio Primario (MRP) base del trattamento cranio sacrale.
  • Tecniche di tessuto: queste agiscono in modo selettivo su tessuti specifici, tecniche riflesse neurologiche, tecniche tensive muscolari, ecc.

Presso Fysiolab Srl il trattamento osteopatico ha una durata variabile se considerato rispetto al numero complessivo delle sedute alle quali il paziente si sottoporrà, ciò è determinato dalla problematica in esame; il trattamento si può così risolvere in 3 o 4 trattamenti, oppure in caso di cronicità del problema, possono servire più sedute ma sempre distribuite nel tempo. Aspetto molto importante è quello che le sedute di osteopatia devono ripetersi a distanza di 2 o 3 settimane tra loro, questo tempo serve al corpo per assimilare la nuova e corretta informazione che il terapeuta ha dato al corpo stesso (consiglio: diffidare da chi propone più sedute di osteopatia all’ interno della settimana e per più settimane consecutive! Questa non è osteopatia!). Ad ogni trattamento l’ osteopata valuta i cambiamenti e i nuovi equilibri che si sono verificati nel soggetto in modo tale da regolare il trattamento per ottenere il miglior risultato terapeutico possibile. In termine di minuti invece, le sedute presso Fysiolab Srl, hanno una durata minima di 30 minuti, tranne la prima che ha una durata superiore per poter prendere tutte le informazioni necessarie al professionista ed impostare il miglior percorso terapeutico. Per ogni paziente il maggior risultato clinico possibile lo si ottine abbinando alle sedute di osteopatia un lavoro di riabilitazione posturale e nello specifico presso Fysiolab Srl, il trattamento tramite il Metodo Mezieres.

Per qualunque informazione contatta pure lo 0331627267e riceverai tutte le informazioni che cerchi!   

Come sempre, un caro saluto a tutti quelli che sono arrivati alla fine dell’articolo.

Orlini Andrea, Osteopata presso -FysiolabSrl-

Contattaci per fissare un appuntamento

Compila il modulo di contatto oppure chiamaci subito