Attraverso l'ecografia addominale si vuole andare a “vedere” e studiare lo stato di salute e la morfologia degli organi addominali.

Attraverso l'ecografia addominale si vuole andare a “vedere” e studiare lo stato di salute e la morfologia degli organi addominali.

Più in particolare con l'ecografia dell'addome superiore si studia:

  • pancreas
  • fegato
  • milza
  • reni
  • surreni
  • colecisti
  • vie biliari
  • principali strutture vascolari
  • linfonodi presenti nella regione addominale superiore

L' ecografia dell’ addome inferiore invece viene eseguita per valutare principalmente l'anatomia e la funzionalità vascolare di:

  • prostata
  • vescica
  • utero

Nel suo insieme l'ecografia addominale è un esame semplice, ben tollerato e non invasivo e proprio per questo rappresenta la prima modalità di screening nello studio dell'addome.

Quando viene prescritta una ecografia addominale?

Quali sono le principali indicazioni di salute che portano un medico a prescrivere l'esecuzione di un'ecografia addominale?

Le più comuni sono il rilevamento di sintomi sospetti riferiti dal paziente oppure dalla alterazioni degli indici ematochimici, i quali possono essere riconducibili allo stato di salute e alla funzionalità degli organi interni che possono essere così indagati mediante l’ ecografia addominale.

Ci sono poi delle situazioni di urgenza che inducono un medico all’ esecuzione di una ecografia addominale che qui elenchiamo in maniera non esaustiva:

  • la presenza di una massa e/o tumefazione di recente insorgenza la quale potrebbe essere la spia di tumori maligni o benigni, di cisti o di ascessi, i quali vengono distinti fra di loro mediante l’ ecografia addominale;
  • traumi addominali di varia natura spesso a causa di incidenti;
  • sospetto aneurisma dell'aorta addominale che si può manifestare con la presenza di un dolore addominale o alla schiena;
  • colestasi ovvero l’ ostruzione del flusso biliare a livello epatico od extraepatico, nelle prime fasi della sua manifestazione. Tale quadro clinico si manifesta con dolore addominale che insorge molto spesso con violenza e in maniera improvvisa (coliche addominali), nonché con difficoltà nella digestione, con uno scarso appetito, con itterizia, colorazione scura delle urine e chiara delle feci;
  • possibile grave malfunzionamento di un organo, generalmente il fegato o di una massa maligna le quali possono manifestarsi con un rilevante calo di peso accompagnato a dolore addominale;
  • quando si osservano le urine di colore rosso o marrone, causato da una importante presenza di sangue nelle urine, si può sospettare una macroematuria non flogistica la quale, nella maggior parte dei casi, è causata dalla presenza di calcoli, neoplasie, oppure da infiammazioni a livello delle vie urinarie, del rene o della vescica, prostatiti, adenomi alla prostata, rene policistico, cistiti ecc.

Contattaci per fissare un appuntamento

Compila il modulo di contatto oppure chiamaci subito